La missione di scavo egiziana guidata dal dr. Sayed al-Talhawi ha effettuato una grande scoperta nell’area di Kom el-Khelgan, nel Delta nord-orientale del Nilo: 110 tombe che coprono un arco temporale di circa 2500 anni.

Le sepolture più antiche, risalgono al neolitico e riguardano 68 tombe appartenenti alla cultura Buto-Maadi (3900-3500 bce.). Si tratta di una cultura grossomodo contemporanea a quella Naqada, fiorita nell’Alto Egitto. Una popolazione che viveva di agricoltura, allevamento e pesca e che commerciava assiduamente con Palestina, e Alto Egitto. Le tombe sono scavate nel terreno e hanno la tipica forma ovale, con il defunto deposto in posizione rannicchiata (“fetale”) poggiato sul fianco sinistro. Non sono presenti particolari elementi di corredo, ma i resti di un bambino sono stati trovati all’interno di un piccolo vaso di ceramica sferico.

Le tombe del Predinastico

Altre 5 tombe risalgono al periodo Naqada III (3500-3150 bce.), comunemente conosciuto come Predinastico. Siamo agli albori della civiltà egizia, in questo periodo vengono piantati i semi della nascita dello stato. È l’epoca dei mitici re della “Dinastia 0”, Iry-Hor, Scorpione, Ka e Narmer. Anche queste tombe hanno forma ovale, ma due in particolare hanno le pareti e il fondo ricoperto di argilla. Il corredo funerario è costituito dai classici vasi cilindrici con decorazioni geometriche, e palette votive in pietra utilizzate per la preparazione dei cosmetici.

La dominazione Hyksos

Le restanti 37 sepolture, risalgono al cosiddetto II Periodo Intermedio (1630 – 1539 bce.), che corrisponde alla dominazione Hyksos. L’Egitto è diviso e i sovrani di Tebe intraprenderanno una gloriosa riconquista che porterà alla riunificazione delle Due Terre, dando origine alla gloriosa XVIII Dinastia. Queste tombe sono di forma rettangolare e i defunti sono deposti in posizione supina. La datazione è stata possibile anche grazie al corredo funebre. Infatti, sono riconoscibili vasi della tipologia TEY, ovvero Tell el-Yahudiya, il sito dove furono riconosciuti per la prima volta da Flinders Petrie. La caratteristica forma e la decorazione a puntini non lascia dubbi. Il loro ritrovamento in uno scavo è sintomo della presenza Hyksos.

Le tombe sono molto profonde e raggiungono anche 85 cm di profondità. Sono di particolare interesse alcune sepolture di bambini:

  • una tomba con un sarcofago di ceramica
  • due tombe costruite in mattoni di fango con orecchini d’argento e amuleti a forma di scarabeo
  • un bambino sepolto in un grande vaso di ceramica

Nella stessa area, il team di archeologi ha rinvenuto anche forni ed edifici in mattoni di fango.

Sostieni i miei progetti di ricerca e divulgazione.

Become a Patron!
sostienimi

Il mio lavoro richiede l’accesso a libri e articoli. Nel corso degli anni ho radunato una discreta collezione egittologica, ma spesso devo integrare le mie ricerche con visite alle biblioteche egittologiche sparse per l’Italia e non solo. Se mi vuoi aiutare ad aggiungere dei titoli alla mia libreria personale puoi cliccare sul pulsante e scegliere tra i testi selezionati. Ricorda che tutte le mie ricerche sono finalizzate alla divulgazione. Il tuo aiuto mi permetterà di realizzare contenuti sempre nuovi per far conoscere la straordinaria civiltà faraonica. Ti ringrazio in ogni caso per la tua attenzione.

lista dei testi egittologici